Ministranti

Gruppo Ministranti

Ministranti

 

IN BREVE CHI E’ IL MINISTRANTE?

Il ministrante è quel ragazzo o ragazza che serve all’Altare durante le celebrazioni liturgiche. Il ministrante è anche chiamato “chierichetto”. Il termine ministrante ha sostituito col tempo il termine “chierichetto” poichè riesce a far capire meglio il suo significato. Esso, infatti, deriva dal latino “ministrans”, cioè colui che serve, secondo l’esempio di Gesù che non ha esitato Egli stesso a servire per primo e che invita a fare anche noi la medesima cosa amando i nostri fratelli.

NON SOLO SERVIZIO ALL’ALTARE

Ma essere ministrante non si riduce soltanto al servizio all’Altare, che presta con diligenza, generosità, impegno, precisione, puntualità. Perchè:

  • Il ministrante è un ragazzo che attraverso il Battesimo è diventato amico di Gesù che ci ha mostrato che Dio è Amore.
  • Il ministrante è un ragazzo che nella vita di ogni giorno e con tutti cerca di vivere quello stile di amore che Gesù ci ha insegnato.

CHI PUO’ ESSERE MINISTRANTE?

Il ministrante svolge un vero e proprio ministero liturgico (= un servizio d’amore!) così come i lettori, gli accoliti, i cantori… ma è un compito tutto speciale e originale perchè ciascuno nella Chiesa e nella vita è chiamato a qualcosa di bello. E’ ministrante, allora, ogni ragazzo-ragazza, adolescente o giovane che abbia compreso che la Chiesa è espressione di quella sinfonia d’amore che è Dio stesso. Un ragazzo  che sa che Gesù è quell’amico che sa dare un colore speciale alla vita di ogni giorno vissuta nell’amore.

Il compito che è loro affidato è quello del servizio all’altare, svolto anche attraverso un comportamento dignitoso e decoroso. I ministranti sono di supporto al sacerdote in tutte le loro funzioni richieste, garantendo un servizio  nelle celebrazioni Eucaristiche della nostra Parrocchia e in particolar modo nelle Domeniche e nei tempi forti della Chiesa, garantendo questo servizio con dei turni.

Nella nostra comunità parrocchiale si inizia a fare il Ministrante dopo aver celebrato la Prima Comunione e si prosegue nel tempo.

 

 

 

Condividi su:   Facebook Twitter Google